Centro Servizi Culturali Oristano - UNLA
Centro Servizi Culturali UNLA di Oristano

Dal 1967 aperti al territorio come spazio in cui la cultura è per tutti e ognuno partecipa a creare cultura tramite l’incontro con gli altri.

Seguici su

I live streaming curati dal CSC – L’ISRE e il cinema: 40 anni in 40 minuti – Incontro con Ignazio Figus

Martedì 17 novembre 2020 alle 17,30
sul canale YouTube CSCUNLAOristano e nella pagina FB Centro Servizi Culturali Oristano:

I Live streaming curati dal CSC
L’ISRE e il cinema
40 anni in 40 minuti

Incontro con
Ignazio Figus
(Responsabile del Settore Produzione Audiovisuale dell’ISRE)

Iniziativa in collaborazione con l’Istituto Superiore Regionale Etnografico

L’ISRE
L’Istituto Superiore Regionale Etnografico (ISRE) è un centro di ricerca, studio e documentazione della vita sociale e culturale della Sardegna nelle sue manifestazioni tradizionali e nelle sue trasformazioni e ha come fine il progresso economico, sociale, politico e culturale dell’isola.
Istituito dalla Regione Sarda nel 1972, anno centenario della nascita della scrittrice sarda Grazia Deledda, l’ISRE, ha sede unica a Nuoro e porta avanti la propria missione istituzionale, in Italia e all’estero, attraverso un’articolata serie di attività.
Tra le più significative si ricordano: la gestione e cura del Museo del Costume, del Museo Casa di Grazia Deledda e del Museo Etnografico Regionale “Collezione Luigi Cocco” ; la realizzazione di mostre, convegni e incontri di studio sui temi di interesse istituzionale anche in collaborazione con altri organismi scientifici e culturali; la gestione e la cura della biblioteca specialistica di carattere demoetnoantropologico e di diversi fondi di interesse storico; la gestione e la cura della cineteca e archivio fotografico d’antropologia visuale; gli studi e le ricerche condotte direttamente o mediante collaborazioni con le Università sarde ed extraisolane; la produzione audiovisiva e cinematografica principalmente incentrata sulla vita e sulla cultura tradizionali della Sardegna; il festival internazionale di cinema del reale IsReal; la produzione editoriale volta prevalentemente a rendere fruibili i risultati degli studi e delle ricerche promossi dall’Ente e a diffondere la conoscenza del proprio patrimonio museale

L’ISRE e l’antropologia visuale
Fin dai primi anni di operatività l’ISRE promuove la pratica dell’antropologia visuale quale primario strumento di analisi e documentazione della vita sociale dell’isola e di dialogo con le culture di tutto il mondo. Questa azione viene svolta attraverso le attività di produzione, promozione e formazione.
La produzione audiovisiva e cinematografica, principalmente incentrata sulla vita e sulla cultura tradizionali della Sardegna, è realizzata dall’Ente sia attraverso il proprio personale sia mediante ricorso a incarichi esterni.
L’Istituto esplica la propria funzione di promozione del cinema documentario con l’organizzazione del festival internazionale di cinema del reale, IsReal, e l’opera di diffusione della cinematografia antropologica in Sardegna, in Italia e nel mondo.
L’ISRE inoltre organizza periodicamente workshop di livello internazionale sull’antropologia visuale e collabora ad iniziative formative nel territorio sardo e nazionale con la guida dei maggiori esperti del campo.

Ignazio Figus – Nota biofilmografica
Vive e lavora a Nuoro. Si è formato nella produzione documentaristica presso l’Istituto Superiore Regionale Etnografico (ISRE), dove lavora dal 1987 (attualmente è responsabile del settore Produzione Audiovisuale e Promozione) curando l’attività cinematografica dell’Ente. La prima regia risale al 1996 con il documentario Giorni di Lollove, incentrato sulla descrizione di momenti festivi e di vita quotidiana della piccola frazione di Nuoro. A questo lavoro seguono, nel 1997 Il Lino a Busachi sulla produzione e lavorazione del lino nel piccolo centro del Barigadu, nel 2000 Toccos e Repiccos – Campanari in Sardegna che si propone di documentare quanto ancora resta in Sardegna del mondo dei campanari, nel 2004 Dogon in Barbagia, la singolare cronaca della permanenza di un gruppo di danzatori e musicisti Dogon a Mamoiada, nel 2008 Brokkarios – Una famiglia di vasai che descrive la vicenda umana e professionale di una famiglia di ceramisti che vive e opera a Siniscola, nella Sardegna Orientale, nel 2014 insieme all’antropologo Cosimo Zene realizza S’impinnu (Il voto) sulla festa di Sant’Antonio a Nule e nel 2017 conclude il progetto filmico “La Cena delle Anime” incentrato sul culto dei morti in Sardegna.
Tra le produzioni esterne all’ISRE si ricordano Giuseppe, pastore di periferia (condiVisioni – 2004), Trittico Pastorale (condiVisioni – 2008), Il Coraggio e la Poesia (Comune di Ittiri/Ass.ne Pro Loco di Ittiri – 2011), Ab Origine (Biofilm) prodotto nel 2015 da condiVisioni con il sostegno di BioSardinia e Slow Food.

Tiene laboratori di Etnografia Visiva per l’Università di Cagliari e scrive regolarmente di cinema e fotografia.

Per collegarvi al nostro canale YouTube cliccate su questo link: https://www.youtube.com/channel/UCnNLsBEHrJSWrfK6eBtQaew e selezionate il riquadro con la diretta.
Sarà possibile seguirci anche dalla nostra pagina FB: https://www.facebook.com/centroservizi.culturalioristano/

Tutti connessi sul canale YouTube CSCUNLAOristano
Martedì 17 novembre 2020 ore 17,30
VI ASPETTIAMO!