Centro Servizi Culturali Oristano - UNLA
Centro Servizi Culturali UNLA di Oristano

Dal 1967 aperti al territorio come spazio in cui la cultura è per tutti e ognuno partecipa a creare cultura tramite l’incontro con gli altri.

Seguici su
 I bisogni di base di una donna in travaglio

 I bisogni di base di una donna in travaglio

 I bisogni di base di una donna in travaglio

I bisogni di base di una donna in travaglio

Lunedì 30 maggio 2016 – Oristano – Sala Centro Servizi Culturali UNLA
ASL Oristano e Centro Servizi Culturali UNLA di Oristano vi invitano alla presentazione del libro I bisogni di base di una donna in travaglio di Ruth Ehrhardt
Tradotto in Italiano da Hilda Garst
Come recuperare con le donne la fiducia nel parto fisiologico
Intervengono:
Ruth Ehrhardt (ostetrica), parlerà delle sue esperienze in Sud Africa sia in parti a casa che in ospedale
Hilda Garst (traduttrice del libro – 18 anni di esperienza come Consulente della Leche League) tratterà i bisogni di base della madre e del bambino durante l’allattamento.
Dott. Maria Antonietta Grimaldi Responsabile Consultorio Familiare di Oristano

Seguirà una Tavola Rotonda con il pubblico

Il libro – “Ci sono due documenti importanti pubblicati sulla fisiologia della nascita. Il primo documento è un enorme libro scritto millenni fa. Il secondo documento è l’opposto del primo in termini di numero di pagine.
E’ il libretto di Ruth Ehrhardt. Mettere insieme ciò che è importante in un libretto così piccolo è una sfida. Io spero che, sui 5 continenti, tutte le donne gravide, le ostetriche, le doule, i medici etc. si prenderanno il tempo per assimilare i contenuti di questo capolavoro. Sarà un punto di svolta nella storia della nascita e quindi nella storia dell’umanità.” Michel Odent

L’autrice: Ruth Ehrhardt è un’ostetrica e una doula. Nata in Svizzera, all’età di 8 anni si è trasferita in Sud Africa con
sua madre (nata in Sud Africa) e con la sua sorellina e da allora vive in questo paese. La madre di Ruth, Carol, acquistò un’azienda di coltivazione di protee vicino a Ceres (cittadina a circa 2 ore e mezzo di distanza da Città del Capo) e si trovò accidentalmente ad “acchiappare” i neonati delle lavoratrici della sua azienda che la chiamavano perché lei aveva “mani che curavano”. Carol era l’ostetrica al primo parto di Ruth. Madre di 4 figli nati a casa, Ruth si è formata inizialmente come doula con l’associazione WOMBS di Irene Bourquin in Sud Africa e in seguito con il corso per Paramanadoula con dr Michel Odent e Lilliana Lammers a Londra. Ruth ha inoltre studiato Ostetricia Avanzata con Ina May Gaskin, Pamela Hunt e le ostetriche di “The Farm”. Con la collega Lana Peterson ha creato “Home Birth South Africa” (Nascita in Casa Sud Africa www.homebirth.org.za ), un sito data base per chi cerca informazioni e consigli per il parto in casa in Sud Africa. Insieme Ruth e Lana coordinano inoltre gli Incontri sul Parto in Casa di Città del Capo,
incontri quadrimestrali per coloro che cercano informazioni e sostegno per il parto in casa. Attualmente Ruth lavora con Marianne Littlejohn di “Birthrite Midwifery” (Ostetricia del Rito della Nascita) ed è una delle organizzatrici della Conferenza di Ostetricia e Nascita di Città del Capo (The Cape Town Midwifery and Birth Conference www.midwiferyandbirthconference.co.za )- una conferenza organizzata per incoraggiare la condivisione e collaborazione tra gli operatori del percorso nascita e le madri da loro accompagnate. Questa conferenza è stata la prima del suo genere in Sud Africa ed è stata accolta con grande successo. Ruth è anche formata come Facilitatrice e Educatrice del corso “Helping Babies Breathe” (corso di rianimazione neonatale dell’Associazione Americana di Pediatria) e svolge volontariato presso “Operation Smile”. Ruth è avvocato per i diritti delle donne, le madri e i bambini ed è coinvolta in vari progetti volti a maggiore educazione e supporto in questi campi. Scrive regolarmente sul suo sito web personale e sul blog www.truemidwifery.com.