Centro Servizi Culturali Oristano - UNLA
Centro Servizi Culturali UNLA di Oristano

Dal 1967 aperti al territorio come spazio in cui la cultura è per tutti e ognuno partecipa a creare cultura tramite l’incontro con gli altri.

Seguici su
La truffa del debito pubblico

La truffa del debito pubblico

La truffa del debito pubblico

La truffa del debito pubblico

Lunedì 07 dicembre 2015 alle 17.30 – Sala Centro Servizi Culturali UNLA ORISTANO
L’Associazione Peppino Impastato ed il Centro Servizi Culturali UNLA di Oristano presentano il libro
La truffa del debito pubblico: Come finanziare gli speculatori con i soldi dei cittadini facendoli anche sentire in colpa di Paolo Ferrero
(Derive Approdi)
Intervista l’autore Enrico Carta (Giornalista della Nuova Sardegna)
Coordina Tore Meli

Il libro – Il libro spiega in modo semplice e chiaro come il debito pubblico italiano non abbia nulla a che vedere con la spesa pubblica, e men che meno con la spesa sociale. Come il debito pubblico italiano sia gonfiato artificialmente a causa degli interessi da usura volutamente pagati dallo Stato agli speculatori. Il debito pubblico, infatti, è aumentato repentinamente a partire dal 1991, quando il ministro del Tesoro Andreatta decise, con l’allora governatore della Banca d’Italia Ciampi, di rendere autonoma la Banca d’Italia, obbligando così lo Stato a finanziare il proprio debito pubblico attraverso i mercati finanziari. A partire da quella data gli interessi pagati dallo Stato sono schizzati alle stelle e con essi il debito, che dal 60% è passato al 120% in pochi anni. L’esplosione del debito pubblico è diventata l’argomento per giustificare politiche di tagli e rigore. Così, dal 1992 la spesa pubblica è stata continuamente tagliata producendo un risultato straordinario: da quell’anno lo Stato registra un avanzo primario, cioè la spesa è regolarmente minore delle entrate, fatte salve le spese per interessi. In questo modo lo Stato è diventato in questi trent’anni una gigantesca idrovora che prende i soldi dalle tasche dei cittadini e li sposta nelle tasche degli speculatori e della rendita finanziaria. Il tutto è giustificato da un enorme debito pubblico che nulla ha che vedere con la spesa, perché è tutto integralmente dovuto agli interessi da usura che lo Stato paga agli speculatori. Il libro chiarisce i termini di questa gigantesca truffa e avanza proposte su come uscirne.
Paolo Ferrero è nato a Pomaretto (To) nel 1960. Operaio e poi cassaintegrato Fiat, valdese, obiettore di coscienza, è stato segretario nazionale della Federazione Giovanile Evangelica Valdese. Ha ricoperto ruoli di direzione politica in Cgil e Democrazia proletaria. È stato Ministro della solidarietà sociale del secondo
governo Prodi e oggi è segretario nazionale del Partito della rifondazione comunista.
Enrico Carta ha 42 anni, giornalista professionista, redattore della Nuova Sardegna dal gennaio 2001. Precedentemente ha collaborato con Radio Cuore e Nova Tv. E’ laureato in filosofia, laurea conseguita a Cagliari nel 1998, con tesi in storia della filosofia antica.