Centro Servizi Culturali Oristano - UNLA
Centro Servizi Culturali UNLA di Oristano

Dal 1967 aperti al territorio come spazio in cui la cultura è per tutti e ognuno partecipa a creare cultura tramite l’incontro con gli altri.

Seguici su
Cartoni Animati in Corsia

Cartoni Animati in Corsia

Cartoni Animati in Corsia

Cartoni Animati in Corsia

Giovedì 29 novembre 2018 ore 18 – Sala Centro Servizi Culturali UNLA Oristano

L’Associazione di Promozione Sociale Avisco di Brescia ed il Centro Servizi Culturali UNLA di Oristano vi invitano a

Una serata con
Cartoni Animati in Corsia

progetto realizzato in collaborazione con l’Ospedale dei Bambini di Brescia

Presentano il progetto dell’AVISCO:
Elena Pezzoli e Maria Lucia Mocci

Durante l’incontro verranno illustrati gli obiettivi e i risultati ottenuti in questi anni anche attraverso al proiezione di alcuni brevi film d’animazione, accompagnati da immagini di backstage, realizzati dai giovani pazienti animatori.
Unico nel suo genere e pluripremiato a livello internazionale, il progetto è parte integrante dell’offerta educativa e ricreativa dell’Ospedale dei Bambini dal 2012. Non prevede costi a carico delle famiglie, né della struttura ospedaliera ed è presente nei reparti pediatrici tutto l’anno, anche nel periodo estivo. Ogni anno coinvolge circa 100 bambini e ragazzi tra i 5 e i 17 anni.
I partecipanti sperimentano la tecnica e il linguaggio del cinema d’animazione dando vita a storie e personaggi, assistiti da personale altamente qualificato che mette a loro disposizione una serie di attrezzature professionali progettate per adattarsi agli ambienti di cura.
Produrre un film d’animazione è un’attività molto coinvolgente, che favorisce la socializzazione ed il benessere, aiuta a dare corpo e voce al proprio mondo interiore,
anche attraverso l’uso delle nuove tecnologie. Il laboratorio, caratterizzato da un approccio ludico, stimola la creatività e la consapevolezza di sé e crea uno spazio in cui incontrare gli altri, aiutando il bambino ospedalizzato e la sua famiglia a vivere l’ambiente e il tempo della degenza come occasioni di divertimento e apprendimento, oltre che di cura.