Centro Servizi Culturali Oristano - UNLA
Centro Servizi Culturali UNLA di Oristano

Dal 1967 aperti al territorio come spazio in cui la cultura è per tutti e ognuno partecipa a creare cultura tramite l’incontro con gli altri.

Seguici su
"La chiave dello zucchero"

Presentazione libro “La chiave dello zucchero” di Giacomo Mameli

"La chiave dello zucchero"

“La chiave dello zucchero”

Giovedì 13 giugno ore 18,30 – Sala Centro Servizi Culturali UNLA – Oristano

Giacomo Mameli
presenta

“La chiave dello zucchero”
(Il Maestrale)

Dialoga con l’autore
Anna Maria Capraro

Letture a cura di
Michela Perinelli

Il libro – La seconda guerra mondiale raccontata da sette diretti protagonisti, e dentro i loro racconti una moltitudine di altre vite e tragedie rimosse. Soldati, prigionieri di guerra, partigiani testimoniano il quotidiano di una sotto-storia introvabile nei libri di Storia. Storie grandi e piccole tramandano esperienze diverse e portano in diversi scenari e teatri di guerra (Egitto, Tunisia, Kenya, Sudafrica, Piemonte, Toscana, Polonia); tutte hanno un legame forte con la Sardegna: coinvolta più di quanto appaia in quel grande disastro, anche direttamente, come ricorda la strage del ’43 raccontata da Iolando Fosci (vivente), quando gli aerei americani fecero 99 morti e 300 feriti bombardando l’inerme abitato di Gonnosfanàdiga. Gli altri racconti portano dentro la battaglia di El Alamein, dove Egidio Lai si salvò dalle pallottole nemiche al riparo di un muro raccapricciante di cadaveri ammucchiati; nella «guerra delle mine» dell’artificiere Francesco Cossu, in Tunisia; attraverso lo sbando dell’8 settembre 1943 nella Resistenza di Francesco Salis, il partigiano Ulisse morto nella strage di Valmala, e di Adriano Vargiu, membro della piccola banda di Ariano, giustiziata dai tedeschi e dai fascisti in Toscana (e qui s’innesta anche la preziosa memoria di Giuseppe Fiori sul partigiano Alfredo Gallistru). Infine si presenta la rievocazione dell’oppressione tedesca della polacca Leokadia Sas (sarda d’adozione), dove trova posto il raro ricordo del giovane professore Karol Wojtyla. Con abilità Mameli intreccia memorie orali, sapiente indagine giornalistica e letteratura storiografica, ma sempre tenendo saldo il filo di un’affabulazione che sa di racconti intorno al fuoco.

Giacomo Mameli, giornalista, scrittore. Laureato in Sociologia, alla Scuola superiore di giornalismo di Urbino ha discusso la tesi con Paolo Fabbri e Carlo Bo (Quattro paesi, un’isola). È direttore artistico del festival letterario SetteSere, SettePiazze, SetteLibri a Perdasdefogu. Tra i suoi libri (editi da Cuec): La ghianda è una ciliegia (2006), Sardo sono (2012), Il forno e la sirena (2013), Le ragazze sono partite (2015).

Evento organizzato da Leggendo Ancora Insieme
Rassegna Letteraria VIII Edizione 2019
in collaborazione con il Centro Servizi Culturali UNLA