Centro Servizi Culturali Oristano - UNLA
Centro Servizi Culturali UNLA di Oristano

Dal 1967 aperti al territorio come spazio in cui la cultura è per tutti e ognuno partecipa a creare cultura tramite l’incontro con gli altri.

Seguici su
Punto a capo

Punto a capo

Punto a capo

Punto a capo

Venerdì 07 settembre 2018 ore 18 – Sala Centro Servizi Culturali UNLA Oristano

Il Centro Servizi Culturali UNLA
presenta il libro di Sandra Pisano
Punto a capo
(Editrice R&M Servizi)

Partecipano:
Sandra Pisano
Angela Quaquero
Bruno Daga

Letture a cura di:
Annalisa Piras

Il libro – Punto, a capo. Ho sempre affrontato tutto così nella mia vita. Punto. A capo. E ricomincio da zero, in qualsiasi modo possibile. Punto a capo. Ma non questa volta. Questa volta non c’è nulla che mi possa far andare oltre questo enorme punto. Punto. Punto e basta, e la mia vita si chiude sulle storie degli altri.
Inizia qui il viaggio di Mari, medico, moglie e madre che affronta in totale solitudine una delle più terribili notizie. La protagonista precipita in una profonda crisi esistenziale che, nelle varie fasi del dolore, la costringe a ripercorrere tutta la sua vita relazionale, sentimentale e professionale, e a rimettere in gioco tutto quello in cui aveva creduto di credere.
È in qualche modo un inno alla vita questo romanzo che ci accompagna nelle stanze più buie e più autentiche della paura e della forza, con ironia e toni dissacratori, trascinando il lettore in un labirinto apparentemente senza uscita, che trova proprio nella resa e nell’accettazione di se stessi la chiave per vivere una autentica dimensione interiore.

Sandra Pisano. Nata a Cagliari nel 1962, psicologa e psicoterapeuta, ha iniziato giovanissima a fare fotografia e a scrivere poesie e racconti, pubblicando nel 1999 la raccolta di versi Vuoto a Rendere. Nel 2011 pubblica il suo primo romanzo Farfalle con gli Artigli, nel 2012 la seconda raccolta di poesie intitolata Case di Vetro, e nel 2015 il romanzo UniKo Mondo (tutti disponibili in edizione R&M).
Nella scrittura si fondono le esperienze personali e professionali, nel tentativo di dare significato e valore a tanta apparente incongruità e dolore, per restituire ― attraverso il filo conduttore delle emozioni ― il senso più profondo della vita.