Centro Servizi Culturali Oristano - UNLA
Centro Servizi Culturali UNLA di Oristano

Dal 1967 aperti al territorio come spazio in cui la cultura è per tutti e ognuno partecipa a creare cultura tramite l’incontro con gli altri.

Seguici su
H&J di Paolo Montaldo

H&J di Paolo Montaldo

H&J di Paolo Montaldo

H&J di Paolo Montaldo

Giovedì 14 giugno 2018 ore 18,00 – Sala Centro Servizi Culturali UNLA Oristano

Il Centro Servizi Culturali U.N.L.A. di Oristano
presenta il libro

di Paolo Montaldo
H&J
(La Zattera Edizioni)

Dialoga con l’autore
Gabriele Carta

 

Il libro – H&J è la storia di una amicizia molto speciale, perché oltrepassa le odiose barriere imposte da una vigliacca malattia, l’autismo. Un piccolo animaletto, June, che grazie al suo sconfinato amore per il padroncino Henry, riuscirà a portare un po’ di luce in una famiglia che fino a quel momento aveva vissuto nell’ombra della malattia.
Il volume ha l’introduzione scritta da Ireneo Picciau e la nota scientifica a cura di Giorgia La Licata.
Dalla prefazione di Ireneo Picciau
“Questo romanzo ci parla di autismo infantile. I manuali di psicopatologia e le storie di tutti i giorni ci raccontano che i bambini autistici mostrano un’apparente carenza di interesse e di reciprocità relazionale, una tendenza all’isolamento e alla chiusura sociale, accompagnata da una manifesta indifferenza emotiva, ma spesso anche da ipereccitabilità agli stimoli.
Uno dei segni più evidenti del disagio relazionale dei bambini affetti da autismo è dato dalla difficoltà a instaurare un contatto visivo diretto.
È un vivere con speciali limitazioni e con grandi difficoltà nella comunicazione, nella relazione con gli altri e con gli oggetti, evidenziando un notevole impaccio nell’adeguare i propri comportamenti alle attese della famiglia e del sociale.
Detto questo, tuttavia, occorre affermare con forza che ogni bambino affetto da autismo esprime questo disagio in modo del tutto personale e con gradazioni differenti dagli altri bambini, mantenendo comunque una sua spiccata e riconoscibile unicità.
Questa storia racconta la parabola esistenziale di Henry e dei suoi genitori, Paul ed Ann in un’America dai contorni sfumati, quasi decontestualizzati.
La prima sensazione che si prova nel leggere il romanzo di Paolo Montaldo, ed è una sensazione fortissima che non ci lascia fino alla fine, è di una lentezza ossessiva delle scene e degli accadimenti, che conduce alla conseguente considerazione che difficilmente si possa scrivere di autismo, senza restarne in qualche misura imprigionati.”

Paolo Montaldo nasce a Cagliari il 30 settembre del 1974, da sempre amante della lettura e della scrittura, scrive per passione.
Il suo esordio è stato nel 2011 quando, frugando tra i suoi vecchi cassetti, trova alcune opere scritte in passato e decide di inviarle quasi per “gioco” ad alcune case editrici. In quel momento Paolo era convinto del fatto che non l’avrebbero mai preso in considerazione, in quanto non si riteneva uno scrittore eccellente sia dal punto di vista grammaticale sia che per i contenuti. Invece, al contrario delle sue aspettative, alcune case editrici risposero in maniera positiva e da quel momento iniziò la sua carriera di scrittore!